Friday, May 24, 2019
iscriviti alla newsletter!
Home  >  Displaying items by tag: EVENTISARDEGNA

 

STEFANO D'ORAZIO

NON MI SPOSERÒ MAI

Come organizzare il matrimonio perfetto senza avere alcuna voglia di sposarsi

«Non mi sposerò mai! Me lo sono ripetuto per tutta la vita, sin da quando ero ragazzino. Ogni volta che si sfiorava l’argomento matrimonio, o che qualcuno nella mia cerchia di conoscenti minacciava di sposarsi, o che mi sentivo rivolgere domande del tipo “Ma non hai mai pensato di mettere la testa a posto?”, il mio mantra era puntualmente lo stesso: “Non mi sposerò MAI”.» E a questo mantra Stefano D’Orazio si è tenuto stretto con tutte le forze, mentre attorno a lui amici e compagni cadevano vittima uno dopo l’altro del «sacro vincolo» (e gli altri Pooh si sposavano due o tre volte ciascuno). Ma nella vita di ogni uomo, si sa, c’è una donna destinata a fargli perdere completamente la testa e a rivoltargli l’esistenza come un calzino. E così, dopo soli dieci anni di convivenza, in una notte sconsiderata di inizio estate ‒ e in diretta televisiva dall’Arena di Verona, Stefano è arrivato a formulare la fatidica proposta alla sua amata Tiziana. E vissero felici e contenti?

No, questo è solo l’inizio della nostra storia. Perché al giorno d’oggi mettere in piedi un matrimonio è più impegnativo che preparava un tour di cinquanta concerti negli stadi. I futuri sposi vengono risucchiati in un girone dantesco popolato da Wedding Planner e Flower Stylist, Manager dal sangue blu e Hostess svampite. Da questa esperienza Stefano è uscito più saggio, più sfinito e soprattutto più sposato: essendo sopravvissuto per raccontarcela, condivide con i fan che lo seguono da sempre e con gli sventurati che hanno in mente di sposarsi tutti i trucchi e i segreti per organizzare il «giorno più bello» senza avere una crisi di nervi e senza desiderare di uccidersi a vicenda. Un anti-manuale ironico, irriverente e sincero come il suo autore, ma in fondo anche una storia d’amore: perché pure sotto la scorza del più duro dei batteristi batte un cuore.

STEFANO D’ORAZIO (Roma, 1948) batterista, cantante, autore, editore e manager dei Pooh. Con la band scrive oltre 40 anni di storia della musica italiana e raggiunge con i suoi tre straordinari compagni di viaggio successi e record difficilmente eguagliabili: 15 dischi d’oro, 46 dischi di platino, 23 milioni di album venduti, 350 canzoni incise e 3500 concerti. Nel 2009 esce dal gruppo e intraprende una nuova carriera solista di autore e produttore di Musical che lo porta a grandi successi nazionali e internazionali. Nel 2016 festeggia con i Pooh i 50 anni di attività con una “reunion” ed è di nuovo Sold-Out: 50 concerti per oltre 400.000 spettatori e un triplo Cd live numero uno nelle classifiche di vendita.Dopo il successo della sua autobiografia: “Confesso che ho stonato” nel 2017 “inopinatamente” si sposa e da quell’evento nasce questa sua nuova esperienza editoriale: l’esilarante “Non mi sposerò mai”.

 

Lunedì 24 Giugno 2013 10:01

PFM CANTA DE ANDRE'

PFM canta De André e PFM Anthology

Il 1979 fu l’anno dello storico tour Fabrizio De André-PFM

Quello spettacolo diventò poi un doppio album, ancora oggi pietra miliare nella discografiadella canzone d’autore italiana.

In omaggio a Faber e dopo lo straordinario successo delle scorse tournée PFM ha deciso di suonare ancora, con gli arrangiamenti originali, le canzoni più significative di quell’evento.

Spesso non ci si rende conto del ruolo che si gioca nel momento in cui si “gioca”. Si fa quello per cui ci si sente predisposti, cercando di dare vita a tutti quei sogni e utopie che cisi porta dentro fin da ragazzi. Il rock italiano, quando la PFM era ancora I QUELLI, non esisteva ancora; La musica italiana poteva contare solo su cover o su alcuni buoni autori ed interpreti, come Battisti, e poeti cantautori dalla forte personalità come De André, che proseguiva la tradizione della cosiddetta scuola genovese.

Noi della PFM, dopo una lunga gavetta come session man, decidemmo di far confluire in un unico stile immaginifico e psichedelico tracce di studi classici, influenze jazz, musica popolare e sano buon rock di matrice inglese. Lo si chiamava impropriamente pop, ma poi si scoprì essere rock progressivo. Noi volevamo solo suonare ciò che sapevamo suonare e ciò che ci piaceva. Volevamo dimostrare che l’Italia poteva esprimere la propria musicalità alla pari con le tendenze dell’epoca. Volevamo non essere più la periferia dell’impero. De André in quel decennio, sia come autore che come musicista, ebbe un ruolo primario. Noi, come QUELLI, lo incontrammo al tempo de’ LA BUONA NOVELLA. Fabrizio incarnava ciò che di poetico ognuno di noi si portava dentro. Le sue storie erano frustate ai benpensanti, erano la lente per guardare in fondo alle nostre coscienze, erano lo specchio dove erano riflessi anche i destini degli ultimi e dei più emarginati. Fabrizio era capace di rimodellare la realtà sofferente e farla diventare poesia. Come musicista ha sempre cercato una sponda collaborativa insieme ai suoi compagni di viaggio, con l’idea di non essere schiavo di mode e modi, ma seguendo un percorso più vicino ai canoni dell’avventura e

della curiosità. La non ripetitività nell’arte è sempre un buon esercizio per salvaguardare la creatività. Bisogna sempre spingere là dove ci sono zone inesplorate, dove si potrebbero incontrare

difficoltà, per poter arrivare a scoprire qualcosa di eccitante. PFM ha sempre fatto ogni disco differente dal precedente e anche Fabrizio aveva questa strana sana attitudine.

L’idea del tour venne a me. Mi ispirai ad alcuni ricordi e riflessioni della nostra ultima tourneé americana: la voglia di sperimentare la nostra capacità espressiva a servizio di canzoni e poesie, così le chiamo io, per dare ai colori della musica tutto il suo splendore. In Usa erano frequenti le collaborazioni, Dylan con The band, Jackson Brown con gli Eagles, insomma un modo di sublimare forme di espressioni musicali in un unico affresco. Noi, artigiani della musica, (il nostro nome trae lo spunto dalla manualità. come in una bottega artigiana), ed il poeta cantante.

Mi sembrava la più bella cosa per chiudere il decennio di utopia. Versi poetici, ma taglienti come lame, in uno scorrere di musica dolce e robusta, dove ogni colore incide direttamente sulle parole, facendole diventare, con la voce di Fabrizio, uno splendido affresco musicale.

Non fu facile, ma il tempo ha saputo ricompensare la nostra e la spregiudicatezza di Faber.

(Franz Di Cioccio) PFM ANTOLOGY Quando nel 1971 usci il primo 45 giri della Premiata Forneria Marconi, un suono nuovo percorse la penisola. Qualcosa di epico e nel contempo di ancestrale, riuscì a scuotere l’ascoltatore dal profondo, proiettandolo in un nuovo mondo musicale dove la canzone lasciava spazio agli strumenti, ai suoni e all’immaginazione. Con “Impressioni di Settembre” e “La carrozza di Hans” era nata una stella. La musica italiana cambiava passo e si affacciava nella grande avventura del

rock progressivo. Il suono della Premiata era, ed è tutt’oggi, un marchio di fabbrica, quasi a sottolineare quel lungo nome distintivo di una capacità artigiana nel concepire e trattare le note, la musica e gli arrangiamenti. Mai un disco uguale al precedente, ma una lunga evoluzione nel tempo a venire che cambiava insieme a mode e modi di suonare. La ricerca costante sostenuta dalla poliedricità dei linguaggi, ha spinto PFM a maturare uno stile inconfondibile, capace di far apprezzare la musica italiana in campo internazionale al di là della sua tradizione melodica.

PFM è stata capace di affermarsi, e non solo entro i confini nazionali, misurandosi con i grandi

nomi dell’epoca. La troviamo in classifica su Billboard, nei referendum dei migliori musicisti e

gruppi, protagonista di una lunga serie di tour, concerti (circa 6.000) e grandi eventi che l’ha portata sui palchi di tre continenti.

Un secondo tempo carico di energia e di adrenalina allo stato puro, spaziando fra i più grandi successi della Rock Band italiana più famosa al mondo

I biglietti della data si possono acquistare in prevendita presso il Box Office Sardegna (viale Regina Margherita, Cagliari - 070 657428),

LA VIA DEL COLLEGIO

070 3110127 - Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. - www.laviadelcollegio.com

 

UFFICIO STAMPA La Via del Collegio: Marta Fais cell. 349 3089247 - e-mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Programmazione Eventi

  • PENTAMERON il musical
    PENTAMERON  il musical    PENTAMERON il musical 31 maggio Cagliari h.21:00 -Auditorium Comunale “Amor può molto più che né voi né io possiamo.” In un futuro non troppo lontano, in un mondo in balia dell’ennesimo conflitto, generato dal malanimo umano, cinque artisti si…
  • STEFANO D'ORAZIO "NON MI SPOSERO' MAI"..... scene e retroscene d'un matrimonio
    STEFANO D'ORAZIO   STEFANO D'ORAZIO NON MI SPOSERÒ MAI Come organizzare il matrimonio perfetto senza avere alcuna voglia di sposarsi «Non mi sposerò mai! Me lo sono ripetuto per tutta la vita, sin da quando ero ragazzino. Ogni volta che si sfiorava…
  • ALE E FRANZ nel nostro piccolo - Cagliari e Sassari
    ALE E FRANZ nel nostro piccolo  -  Cagliari e Sassari ALE E FRANZ in “NEL NOSTRO PICCOLO”   scritto da Francesco Villa, Alessandro Besentini Alberto Ferrari e Antonio De Santis regia di Alberto Ferrari musicisti: Luigi Schiavone, Fabrizio Palermo, Francesco Luppi e Marco Orsi ufficio stampa Alessandra Tagliabue Nel “Nostro…
  • Malefica e La Bella addormentata nel bosco il musical - Cagliari e Sassari
    Malefica e La Bella addormentata nel bosco il musical -  Cagliari e Sassari   LA VIA DEL COLLEGIO associazione culturale Via del Collegio , 4 – 09124 Cagliari Tel. e Fax 070 2042771 mail Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. 28 e 29 marzo 2019 Cagliari Teatro Massimo h.21:00 30 marzo 2019 Sassari Teatro Comunale h.21:00Il musical è…
  • GEPPI CUCCIARI in "PERFETTA" Cagliari e Nuoro
     GEPPI CUCCIARI in Geppi Cucciari Perfetta Testi e Regia Mattia Torre con Geppi Cucciari Assistente alla Regia Giulia Dietrich Musiche originali Paolo Fresu Costumi Antonio Marras Disegno luci Luca Barbati Sinossi Perfetta è un monologo teatrale che racconta un mese di vita di…